In questo numero

Il futuro dell'Olgiata nei programmi del presidente del Consorzio Bernardi e nelle previsioni di un autorevole componente del c.d.a. , il prof. Fernando Aiuti. Nel primo numero del 2018 La Quercia guarda avanti e invita i lettori a fare altrettanto sulle prospettive di sviluppo del comprensorio. Ma la lettura si fa particolarmente interessante con le pagine di Bell'Olgiata: perché l'Olgiata non ricorda Mario Incisa? E' quanto rimprovera la prima pagina dell'inserto, con un articolo in cui si propone di dare il nome del fondatore dell'Olgiata ad almeno una strada del comprensorio per rimediare ad una colpevole dimenticanza a poco più di mezzo secolo dalla nascita del centro residenziale oggi abitato da quasi diecimila persone.

Fra gli altri argomenti che arricchiscono il supplemento culturale del giornale dell'Olgiata c'è la presentazione del libro La mappa da Vinci, il nuovo romanzo di Vittoria Haziel in cui si ipotizza che la Sindone sia in realtà opera di Leonardo da Vinci, che addirittura vi avrebbe stilato il proprio autoritratto e di un libro di belle poesie di Ruggero Marino.

Una pagina è dedicata ad un articolo di medicina del prof. Giovanni Gasbarrini sul microbiota intestinale: ma ci sono anche una lieta testimonianza su come si vive con un cane anziano raccolto in casa dal canile, la cronaca di una visita al centro anziani di Formello diretto da Guido Romeo, gli appuntamenti del Rotary Club Roma Olgiata.

Seguono le consuete rubriche: i libri di Scaffale di Alessandra Marietti, quella di astronomia Alziamo gli occhi al cielo di Bianca Bocci, le Parole in gioco di Vittoria Haziel, Il computer al guinzaglio di Paolo Schietroma, Il fisco facile di Luciano Marano, I nostri soldi di Sabrina Fratocchi, Life & Business Coaching di Alessandro Lorusso, La nostra salute di Luigi Pedretti, Il consiglio del medico di Barbara David, Spazio donna di Clarita Nassuato, Il parere del veterinario di Luca Mancini.


Buona lettura.

Sandro Marucci